Rifiuta

Usiamo i cookie per rendere possibile il corretto funzionamento di alcune funzioni. Utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookie.

Il Tribunale di Milano, nella sentenza n. 1430 del 2 dicembre 2014, afferma che la responsabilità del medico dipendente e/o collaboratore della struttura sanitaria, autore della condotta attiva o omissiva produttiva del danno subito dal paziente, abbia natura esclusivamente extracontrattuale.

Tale decisione prende le distanze dalla costruzione del cd. contatto sociale, affermatasi a seguito della sentenza n. 589/1999 della Corte di Cassazione civile: costruzione giurisprudenziale per cui, a seguito dell'intervenuto contatto sociale tra il medico dipendente e il paziente, il medico dipendente è tenuto da responsabilità anche a titolo contrattuale.

I giudici milanesi fondano la loro decisione sulla base dell'art. 3 comma 1 della L. 189/2012 (cd. Legge Balduzzi), il quale così dispone: "L'esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo".

Tale interpretazione, peraltro, è attualmente minoritaria, e risulta tuttora dominante l'interpretazione secondo cui la Legge Balduzzi non sarebbe intervenuta a correggere il precedente orientamento giurisprudenziale. Pertanto, allo stato, risulta maggioritario l'orientamento giurisprudenziale secondo cui il medico dipendente è sottoposto (oltre che alla responsabilità extracontrattuale) anche alla responsabilità di natura contrattuale (che è nettamente sfavorevole per il medico, sia dal punto di vista della prescrizione, sia dal punto di vista dell'onere probatorio).


 

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 16401 del 17 luglio 2014, pone i limiti della responsabilità del ginecologo nei confronti della paziente che, per errata diagnosi dello stesso, scopre di essere in stato interessante quando è ormai troppo tardi per ricorrere all'interruzione di gravidanza.

I giudici di legittimità confermano il risarcimento del danno non patrimoniale rappresentato dalla "violazione del diritto della donna ad essere informata", rigettando invece la domanda di risarcimento del danno patrimoniale consistente negli oneri di mantenimento del nascituro, ritenendo non provata l'esistenza di una volontà abortiva della donna, nell'ipotesi in cui fosse stata tempestivamente informata della gravidanza.


 

Il Tribunale di Cremona, nella sentenza del 9 luglio 2014, sottolinea che, in caso di interventi routinari, in capo al medico non grava sostanzialmente una obbligazione di risultato. Tuttavia, in caso di mancato raggiungimento del risultato, sorge in capo al medico una presunzione semplice di inadempimento:

"Per le operazioni di routine, la responsabilità civile del sanitario dipende quasi esclusivamente dal mancato raggiungimento del risultato che è, se non dominabile, quanto meno governabile, attraverso il rispetto dello standard curativo (linee guida), salve le specificità del caso di specie".

Nelle operazioni di routine il mancato raggiungimento del risultato "fa insorgere una presunzione (semplice) di inadempimento, con la conseguenza che spetta al sanitario fornire la prova liberatoria, ossia che l'insuccesso dell'intervento è dipeso da caso fortuito o forza maggiore".


 

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 1152 del 23/05/2014, ribadisce, nel caso specifico riferito agli interventi palliativi, quanto già affermato in precedenti occasioni in materia di omissione diagnostica e perdita di chance:

In tema di danno alla persona conseguente a responsabilità medica, l'omissione della diagnosi di un processo morboso terminale, sul quale sia possibile intervenire soltanto con un intervento cosiddetto palliativo, determinando un ritardo della possibilità di esecuzione di tale intervento, cagiona al paziente un danno alla persona per il fatto che nelle more egli non ha potuto fruire di tale intervento e, quindi, ha dovuto sopportare le conseguenze del processo morboso e particolarmente il dolore, posto che la tempestiva esecuzione dell'intervento palliativo avrebbe potuto, sia pure senza la risoluzione del processo morboso, alleviare le sue sofferenze”.