Rifiuta

Usiamo i cookie per rendere possibile il corretto funzionamento di alcune funzioni. Utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookie.

 

 

La Corte di Cassazione, con sentenza del 21 dicembre 2017 delle Sezioni Unite Penali, N.R.G 10952/2017, ha affrontato e deciso (ovvero, ha prodotto una formulazione nell’intento di istituire sottoregole di precisazione) in materia di responsabilità colposa, dell’esercente la professione sanitaria, per morte o lesioni personali. Si riportano qui di seguito: il testo normativo di riferimento; la questione; le determinazioni assunte dalla Suprema Corte, sezioni penali.

 

Testo normativo: art. 6, comma 1, legge (cosiddetta Gelli o Gelli-Bianco) 8 marzo 2017 n. 24

Dopo l’articolo 590-quinquies del codice penale è inserito il seguente:

“Articolo 590-sexies (responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario). Se i fatti di cui agli articoli 589 e 590 sono commessi nell’esercizio della professione sanitaria, si applicano le pene ivi previste salvo quanto disposto dal secondo comma.

Qualora l’evento si sia verificato a causa di imperizia, la punibilità è esclusa quando sono rispettate le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge ovvero, in mancanze di queste, le buone pratiche clinico-assistenziali, sempre che le raccomandazioni previste dalle predette linee guida risultino adeguate alle specificità del caso concreto”.

Questione: ambiti di punibilità per morte o lesioni personali conseguenti ad esercizio della professione medica

E’ da determinarsi in quali casi sussista e in quali casi sia esclusa, alla luce della formulazione normativa, la punibilità prevista dall’art. 590-sexies codice penale, introdotto dall’art. 6 della legge 8 marzo 2017, n. 24.

 

Decisione della Corte di Cassazione

“L’esercente la professione sanitaria risponde, a titolo di colpa, per morte o lesioni personali derivanti dall’esercizio di attività medico-chirurgica:

  1. Se l’evento si è verificato per colpa (anche lieve) da negligenza o imprudenza;
  2. Se l’evento si è verificato per colpa (anche “lieve”) da imperizia: 1) nell’ipotesi di errore rimproverabile nell’esecuzione dell’atto medico quando il caso concreto non è regolato dalle raccomandazioni delle linee guida o, in mancanza, dalle buone pratiche clinico-assistenziali: 2) nell’ipotesi di errore rimproverabile nelle individuazione e nella scelta di linee guida o di buone pratiche che non risultino adeguate alla specificità del caso concreto, fermo restando l’obbligo del medico di disapplicarle quando la specificità del caso renda necessario lo scostamento da esse;
  3. Se l’evento si è verificato per colpa (soltanto “grave”) da imperizia nell’ipotesi di errore rimproverabile nell’esecuzione, quando il medico, in detta fase, abbia comunque scelto e rispettato le linee guide o, in mancanza, le buone pratiche che risultino adeguate o adattate al caso concreto, tenuto conto altresì del grado di rischio da gestire e delle specifiche difficoltà tecniche dell’atto medico”.

 

Commento

L’enunciato A, contenuto nella formulazione riferita, è ovvio. Infatti: poiché la legge Gelli dispone che. Ricorrendo determinate condizioni, la punibilità sia esclusa quando l’evento si è verificato a causa di imperizia, è ovvio (a contrario) che la punibilità non sia esclusa (pertanto sussista) quando l’evento si è verificato a causa di negligenza o di imprudenza. L’enunciazione è astrattamente chiara; in concreto, nozioni come imperizia o negligenza o imprudenza possono presentare zone di sovrapposizione (soprattutto nei rapporti tra imperizia e negligenza, poiché non è peritus colui che compie un atto omettendone di considerare ogni profilo di per sé e di contesto).

Gli altri due enunciati (B e C) graduano e distinguono due livelli di imperizia; in verità, la Corte non parla esplicitamente di imperizia lieve e di imperizia grave, ma, poiché il testo della Cassazione parla di colpa pieve da imperizia e colpa grave da imperizia, è come se si graduasse in imperizia lieve e imperizia grave. Comunque, la percezione del provvedimento della Corte risulta agevolata se, anziché partire dalla colpa e dalle relative gradazioni, si parte dalle “fattispecie”. In tal senso la Corte tipizza come segue. 

 

 

 

 In definitiva, la Suprema Corte ha sistematizzato e chiarito (per maggiore trasparenza) alcune implicazioni dell’art. 6 della Legge Gelli; soprattutto, ha formulato una interessante sottoregola in materia di errore di esecuzione avvenuto nel rispetto di linee guide e buone pratiche: il riferimento all’atto di esecuzione (seppure in una formulazione, apparentemente contraddittoria, che lo fa convivere col rispetto delle linee guida) è già un contributo utile per illuminare l’articolo 6 (in cui era stata ravvisata, proprio su questo punto, qualche oscurità). Ovviamente non tutto è risolto; sarà la casistica a chiarire, come è tuttora necessario, “le linee guida dell’interpretazione”.

 

Un interrogativo finale.

Comunque, come considerazione di chiusura, una domanda è inevitabile: le prospettazioni mediatiche - che ravvisavano (anche sul terreno penale)  un salto di qualità nella tutela della professione medica, e che ritenevano superate le condizioni  genetiche  della medicina difensiva – avevano solido fondamento, oppure erano frettolosamente fallaci?